Storie d'altri tempi [LucaBondage]

In questa rubrica, più o meno ogni giovedì, apparirà una storia NON scritta da me. Si tratta di storie che sono state postate sul mio ormai scomparso "blog collettivo" tra il 2004 e il 2014, storie scritte da voi, storie spesso davvero interessanti. 

Le storie sono opera di fantasia, e raccontano la realtà in chiave romanzesca. Né il sottoscritto nè gli autori intendono in alcun modo giustificare o incoraggiare la sopraffazione o la violenza in ogni sua forma.

Una storia di: LucaBondage

postata il 7 novembre 2011

Oh, avete già finito i vostri compiti? Bene, a cosa volete giocare bambini? Calcio, Monopoli o che altro? Guardie e ladri? Uhm, ok. Io faccio la ladra? No? Ah, sono la vittima. Ok, perfetto. Come funziona? Ah, dovete legarmi? Oddio, non so se sia il caso, forse un po' troppo realistico no? Ma siete sicuri che i vostri genitori vi permettano di fare questo gioco? Uhm, ok. Iniziamo allora! 

Mi avete legata proprio stretta eh? Avete fatto un bel lavoro. Non riesco a slegarmi. Sentite, adesso però slegatemi, il gioco è bello fin che dura poco. Non dovreste diventare poliziotti ora, e liberare la bella ragazza in pericolo? Anche perchè è quasi ora di cena, e avrete fame se non mi slegate. Voi non avete fame? Facciamo così, se mi liberate ora non dirò nulla ai vostri genitori. No, no, non andatevene! 

Ragazzi? Ehy?UFF, DOVE SIETE FINITI? Dai, siete proprio stupidi!! 

Oh eccovi. Dai ora slegatemi, devo andare in bagno, e guardate, ho le mani viola! Ragazzi? Cosa volete fare con quello? No, non azzardatevi a imbavagliarmi! Non abbiamo mai parlato di bavagli. NO, NON PROVATE NEANCHE A FICCARMI QUEL COSO IN BOCCA! ORA BASTA! RAGAZ-MMMMPPPGGGHHFHFFF!! 

Era stata proprio una bella serata per Tanya. Era il suo compleanno, e aveva deciso di festeggiarlo con una cenetta romantica con Andrea, suo marito. Certo, aveva dovuto chiedere un immenso favore a Martina, la loro babysitter, ma alla fine era riuscita a farla rimanere fino a mezzanotte, nonostante il giorno dopo avesse un esame all'università. 
Entrarono in casa, ma si trovarono una bella sorpresa. I bambini si erano addormentati sul divano, con la tv accesa e mezzo sacchetto di patatine sul tappeto. Di Martina nessuna traccia. Eppure era suo compito sorvegliarli e metterli a letto presto. E per di più non sembrava fosse neanche in casa. Martina? Ci sei? Si fermò a pochi passi dall'ingresso, osservando suo marito che prendeva in braccio i piccoli e li portava nella loro cameretta. Avrebbero fatto i conti domani, a colazione. Al momento dovevano trovare Martina. Ma dove diavolo si era cacciata? 
Tirò fuori dalla borsa il cellulare, e la chiamò. Il telefono squillava, ma non rispondeva nessuno. Nel silenzio si accorse di un rumore dietro il divano. Andò a vedere. Era la borsa di Martina, con dentro il suo cellulare che vibrava. Perfetto. Bussò alla porta del bagno, poi entrò. Vuoto. Iniziava ad innervosirsi. Si tolse il cappotto e si avviò verso la cabina armadio, ma una volta aperta la porta ebbe un sussulto. 
Martina era lì, legata e singhiozzante. Era seduta per terra, con la schiena appoggiata all'asta di metallo sul fondo della cabina. I polsi legati paralleli dietro la schiena, legati a loro volta all'asta, come i gomiti e il busto. Le gambe erano legate all'altezza delle caviglie e sopra e sotto le ginocchia, tirate su verso il petto. Vari giri di nastro adesivo argentato ricoprivano occhi e bocca fin dietro la nuca, assicurando anche la testa all'asta. 

Oddio, cos'è successo?! 
MMMPPPGGHHHFFFF!! 
Non dirmi che hai giocato a guardia e ladri con quei due. Ma non lo sai che sono due piccoli boyscout?? Ci hanno provato anche con me una volta... 
MMMPPPGGHHHFFFF!! 
Però questo non va bene Marti, sei tu che dovresti avere l'autorità, non puoi farti trattare in questo modo. 
MMMPPPGGHHHFFFF!! MMMPPPGGHHHFFFF!! 
Senti, facciamo così. Mi sei simpatica, e ad essere sincera non ho nessuna voglia di fare colloqui per cercare un'altra babysitter. 
MMMPPPGGHHHFFFF!!?? 
Sì, hai capito bene, dovrei licenziarti per quello che hai fatto. E se fosse scoppiato un incendio? Comunque...stasera sono buona, in fin dei conti è il mio compleanno. Facciamo così, con mio marito ci parlo io, non devi preoccuparti. Però questa notte pensa a quello che hai fatto. Domani mattina, dopo che mio marito sarà uscito per portare i bambini a scuola parleremo. Per ora...Buonanotte| 
MMMPPPGGHHHFFFF!! 
MMMPPPGGHHHFFFF!!


FINE

Commenti

  1. coppola76: Miles bellissima storia! Ti dico la verità, la ricordavo questa. LucaBondage era uno dei miei scrittori preferiti sul tuo dreambook! Ricordo tutta la serie con Margherita,la sua fidanzata dominante e bravissima legatrice e quelle di tipo femdom. In un' altra si ispirava alla tua storia "L' ascensore del castigo" e Luca viveva un'avventure incredibile di selfbondage con la sua coinquilina Martina! Peccato non l'abbia mai continuata, era una storia che meritava un seguito. Ma scusami, sono andato fuori schema, magari tu non le ricordi quelle storie e io ti sto facaendo una testa così ;)Anche questa mi piaceva moltissimo! Ed e stato bellissimo rileggerla dopo tanto tempo! Grazie x continuare a pubblicare storie. Ciao e buona giornata! ;)

    RispondiElimina
  2. LucaBondage: Grazie a Miles per aver pubblicato non una ma due delle mie storie su questo fantastico diario di bordo. E grazie a Coppola76 per i complimenti.
    lucabondage5@hotmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LucaBondage: scusate correggo la mail: lucabondage5@gmail.com

      Elimina
    2. coppola76: Ciao Luca, sono felicissimo di scoprire che non sei scomparso dalla rete! Scrivi ancora storie? Scusa x la curiosità, ma come ho scritto, io adoravo le tue storie! Fammi sapere se hai qualche blog dove le pubblichi, sarei felicissimo di leggere altre tue bellissime storie! Buona giornata

      Elimina
    3. Ciao Coppola76! Purtroppo al momento niente blog, men che meno nuove storie. Forse in futuro....

      Elimina
    4. coppola76: grazie x aver risposto Luca. Fammi sapere se ricominci a scrivere o anche a pubblicare le tue vecchie storie. Sarei felicissimo di ritrovare Margherita e Martina anche, quella storia era una delle mie preferite, peccato non hai mai trovato il tempo x un seguito! Ciao. La mia mail è: coppola76@alice.it

      Elimina

Posta un commento