Storie d'altri tempi - L'autostoppista

In questa rubrica, più o meno ogni giovedì, apparirà una storia NON scritta da me. Si tratta di storie che sono state postate sul mio ormai scomparso "blog collettivo" tra il 2004 e il 2014, storie scritte da voi, storie spesso davvero interessanti. 

Le storie sono opera di fantasia, e raccontano la realtà in chiave romanzesca. Né il sottoscritto nè gli autori intendono in alcun modo giustificare o incoraggiare la sopraffazione o la violenza in ogni sua forma. 


Una storia di: Mads


postata il 14 dicembre 2004

L'autostoppista


ERA un pomeriggio afoso di mezza estate, e stavo tornando verso casa in auto lungo le strade della campagna toscana. Da un anno ormai sono impiegato come rappresentante di una grande azienda e per lavoro devo andare in giro un po' per tutta la regione.

 Ad un tratto, in fondo ad un rettilineo, vidi sul bordo della strada una persona che faceva l'autostop; la cosa non mi interessò più di tanto, perché normalmente non mi piace dare passaggi agli sconosciuti, e anche stavolta pensavo di tirare a dritto senza fermarmi. Avvicinandomi a quella figura, però, notai una lunga chioma di capelli neri e capii che si trattava di una ragazza... anzi, decisamente una gran bella ragazza! Doveva avere circa venticinque anni, non era molto alta, ma aveva un corpo da schianto e indossava un top rosso e un paio di shorts che le mettevano in risalto delle curve niente male. Ci pensai su un attimo, ma poi decisi quasi subito che per una volta avrei potuto fare uno strappo alla regola, e infatti rallentai e, dopo averla affiancata, accostai la macchina.

 - Ehi, hai bisogno di un passaggio? - chiesi.

 - Oh, sì, grazie... grazie mille! - rispose lei, visibilmente soddisfatta. Salì in macchina, posò sul sedile posteriore il grosso borsone che si portava dietro ed io ripartii.

 - Era veramente tanto che aspettavo che qualcuno si fermasse... Ormai avevo quasi perso la speranza! - disse.

 "Come!? Una bella topina come te cammina tutta sola lungo la strada e nessuno si ferma per darti un passaggio?" pensai. "Strano... comunque meglio così, si vede che oggi la fortuna si è ricordata di me!" E, per come andarono poi le cose, fu proprio una bella fortuna! Ma andiamo con ordine...

 - È normale, qui in effetti la strada non è molto trafficata... - ribattei, dicendo la prima cosa che mi veniva in mente. - A proposito, non ti ho ancora chiesto dove sei diretta. -

 - Devo andare verso Siena, da alcuni miei amici che stanno in una vecchia casa di campagna. Tu fino a dove mi puoi accompagnare? -

 - Beh, anch'io devo andare in quella direzione. Vediamo fin dove ti posso portare... - risposi.

 In realtà stavo mentendo spudoratamente, perché dovevo tornare verso Firenze, e Siena era proprio fuori strada, ma ormai mi era venuta voglia di mantenere il più a lungo possibile quella compagnia; d'altronde non capita tutti i giorni di portare in macchina una ragazza così carina.

 - Allora sono proprio fortunata! - sospirò. - Meglio così, la giornata era cominciata proprio male: stamani ero al mare a Forte dei Marmi, poi sono andata a prendere il pullman e ho scoperto che gli autisti erano in sciopero. Dove devo andare non ci sono treni, e allora sono stata costretta a fare l'autostop. -

 Sciopero dei pullman? Veramente, durante la giornata, ne avevo trovato più di uno lungo le strade, comunque... "Chi se ne frega!" pensai. "Meglio per me!"

 - Ah, me lo stavo proprio domandando se venivi dal mare... - dissi. - Ho visto che hai una notevole tintarella! - E in effetti non potevo fare a meno, con la coda dell'occhio, di guardarle tutti quei centimetri di pelle liscia e olivastra, senza una smagliatura. Che belle gambe, e soprattutto che belle tette carnose, fasciate da quel top! E quell'abbronzatura uniforme... "Deve prendere il sole in topless!" pensai. "Hmmm, come mi piacerebbe toccargliele... Ora basta, però, concentrati sulla guida!" Mi stavo eccitando troppo, dovevo controllarmi...

 - Sì, sono stata a Forte dei Marmi per tre settimane a casa di amici... Ehi, non ci siamo ancora presentati: io mi chiamo Alessia. -

 - E io Marcello, piacere. - le risposi, dandole la mano. - Beata te, Alessia: vedo che sei piena di amici che ti possono ospitare per le vacanze! -

 - Beh, effettivamente sono piuttosto fortunata... - ammise.

 "Mi sa che più che la fortuna c'entra qualcos'altro..." pensai, un po' maliziosamente.

    

 Le ore successive del viaggio passarono piuttosto allegramente. Oltre ad essere veramente bella, Alessia era anche molto simpatica e socievole, ed era un piacere chiacchierare con lei: non se la tirava affatto, anzi, era decisamente un tipo molto alla mano. Tutto questo da un lato mi faceva piacere, ma dall'altro mi pesava enormemente... sentivo crescere sempre di più l'attrazione verso di lei, non solo fisica: avevo gli ormoni in piena agitazione e facevo veramente fatica a contenere l'eccitazione. Se avessi dato retta al mio istinto le sarei montato addosso all'istante! Per fortuna dovevo guidare...

 Ormai era quasi il tramonto, ed eravamo già in provincia di Siena. Fra un po' saremmo arrivati a destinazione e allora... "Meglio così, questa mi fa uscire pazzo! Prima arriviamo e meglio è! Lei scende, io torno a casa e non la rivedo più..." pensai ad un certo punto. In realtà ero combattuto: se le avessi chiesto di scambiarci i numeri di telefono, magari una volta avrei potuto invitarla a Firenze e poi... "Ma no, Marcello, smettila!" mi dissi. "Con una così saresti veramente capace di perdere la testa... lascia fare, domani l'avrai già dimenticata!" Cercai così di convincermi, e ci riuscii quasi, perché mi ricordo che l'eccitazione si affievolì un po'...

 Poco dopo raggiungemmo una stazione di servizio, il serbatoio era quasi vuoto e così mi fermai a fare benzina. Alessia, per sdebitarsi, volle a tutti i costi pagarmi il pieno; io per cavalleria cercai di oppormi, ma poi, considerando che per accompagnarla avevo fatto molta più strada del previsto, mi lasciai convincere abbastanza facilmente. Alessia si girò verso il sedile posteriore, aprì la zip del borsone per prendere il portafoglio, e poi la richiuse.

 - Mentre fai rifornimento, ne approfitto per andare in bagno, - mi disse, - e poi, se non ti dispiace, mi fermo un attimo al bar a prendere un caffè e una bottiglia d'acqua. Tu vuoi qualcosa? -

 - Mi basta l'acqua, grazie: fatti dare due bicchieri di carta, così bevo anch'io. - risposi.

 - OK, agli ordini! - Alessia scese di macchina e si allontanò verso i bagni. Indossava un paio di pantaloncini cortissimi che, mentre camminava, le mettevano in mostra un bel culetto con due glutei tondi e sodi che avrebbero resuscitato un morto...

 "Mannaggia, Alessia, non ti immagini neanche quanto ti tromberei volentieri..." pensai. L'eccitazione, che fino a quel momento avevo cercato di controllare, mi riprese tutta insieme, quasi più forte di prima. Anche il benzinaio, mentre faceva il pieno, non restò indifferente a tutto quel fascino, e notai che mi guardò con un po' di invidia, come se pensasse che quella fosse la mia fidanzata. "Magari!" pensai, tirando un lungo sospiro...

 Finito il rifornimento mi spostai con la macchina da una parte, in attesa che Alessia tornasse. "Quasi quasi," dissi fra me e me, "apro il borsone e le rubo qualcosa di suo... un reggiseno, delle mutandine..." In realtà scherzavo, non sono mai stato feticista, però mi girai lo stesso verso il borsone e, come per gioco, tirai la cerniera e... possibile? Sotto qualche vestito buttato dentro alla rinfusa mi sembrava di vedere... ma sì, era proprio una pistola! Aprii meglio la zip e, oltre all'arma, mi accorsi che sul fondo del borsone c'era un gran numero di mazzette di banconote da cinquanta e cento euro!

 L'eccitazione si trasformò immediatamente in angoscia: che cosa significava tutto questo? Rimisi velocemente tutto a posto, meglio non farsi scoprire. Facendo finta di nulla guardai verso i bagni: Alessia era uscita e ora stava entrando nel bar. Bene, dalla porta a vetri avrei potuto controllarla meglio. Nel frattempo mi venne in mente una notizia che avevo letto distrattamente la mattina stessa sulla cronaca locale: parlava di una rapina in banca avvenuta il giorno prima in un paese vicino a Lucca. Niente di straordinario, ma ricordo che la notizia mi aveva colpito perché si diceva che l'autore del colpo fosse in realtà una ragazza! Era entrata in banca a volto coperto e armata, ma "i testimoni hanno affermato che a giudicare dalla voce e dalla corporatura si trattava di una ragazza dai venti ai venticinque anni..." Mi stavano tornando in mente le parole esatte scritte nell'articolo del giornale... Incredibile, allora Alessia non era altro che la famosa rapinatrice del giorno prima! Ora mi tornava tutto: per allontanarsi dal luogo del delitto aveva scelto l'autostop, in modo da far perdere più facilmente le proprie tracce, e quella dello sciopero dei pullman era in effetti una bufala, come avevo sospettato da subito, senza darle però troppo peso...

 Che potevo fare in quella situazione? Confesso che cominciavo ad avere paura. Alessia stava ancora sorseggiando il suo caffè, allora presi rapidamente la pistola dal borsone e mi accorsi che era carica. Che nervosismo! Non avevo mai tenuto in mano un'arma vera... Comunque riuscii ad aprirla e ad estrarre i proiettili, che nascosi nelle tasche dei pantaloni, dopodiché rimisi la pistola al suo posto e richiusi il borsone.

    

 Poco dopo Alessia uscì dal bar con una bottiglia d'acqua e due bicchieri, salì in macchina e mi chiese se avevo sete.

 - Sì, grazie. - le risposi, e dopo aver bevuto misi in moto e ripartimmo.

 Cercai di non far trapelare niente, e di mostrarmi il più calmo possibile, ma in realtà ero piuttosto teso, e per qualche minuto non dissi una parola. Anche Alessia era diventata silenziosa, e allora fui io il primo a parlare.

 - Siamo quasi a Siena, - dissi, - e ancora non mi hai spiegato dove devi andare di preciso... -

 - La casa dei miei amici è nel Chianti, ma bisogna passare oltre Siena. Se devi andare in città, puoi farmi scendere prima, troverò qualcuno che mi può dare un altro passaggio... -

 - Beh, scusa, a questo punto ormai posso accompagnarti fino a casa, no? -

 - No, Marcello, è ancora abbastanza lontano. Non preoccuparti, posso cavarmela da sola... -

 - Guarda che fra poco più di un'ora comincerà a far buio: proprio perché è ancora lontano è meglio se ti accompagno io! -

 Stavo giocando un po' sporco: era chiaro che voleva scendere prima di arrivare alla sua meta, per non correre il rischio che qualcuno potesse scoprire il posto dove sarebbe andata a rifugiarsi e a nascondere il bottino della rapina... Ero proprio curioso di vedere come avrebbe reagito.

 - Ma ti assicuro che non importa... ti sei già disturbato abbastanza! - aggiunse. Avevo ragione, cominciava ad essere nervosa...

 - Ma quale disturbo! - replicai. - Per me è stato un piacere: mi hai fatto compagnia durante il viaggio... -

 Stavo cercando di destare meno sospetti possibile... Alessia con tutta probabilità avrebbe pensato che insistevo solo per restare un po' più con lei e magari tentare di strapparle un appuntamento. Fino a un'ora prima sarebbe stato effettivamente così; ora invece... ora invece cosa? E se anche avessi scoperto il suo rifugio cosa avrei potuto fare? Avvertire la polizia, certo... ma poi? Quali prove avevo per accusarla? A ripensarci bene avevo agito troppo d'istinto, e ora c'era il rischio che continuando così potessi cacciarmi in qualche guaio... Se Alessia avesse capito che sapevo o sospettavo qualcosa, come avrebbe reagito?

 Nei pochi secondi in cui nella mia mente passarono tutte queste domande, Alessia, dapprima un po' titubante, si decise, e accettò di farsi accompagnare, così, anziché andare verso Siena, prendemmo la strada per il Chianti. Il resto del viaggio non fu però piacevole come la prima parte: la ragazza era visibilmente pensierosa, e anche il suo umore non era più tanto allegro.

 "Starà pensando a qualche modo per sbarazzassi di me..." pensai. Ormai la paura iniziale per quella scoperta si stava unendo di nuovo ad una forte eccitazione, ma era un'eccitazione ben diversa dalla precedente, quasi un senso di sfida. "Vediamo se dietro quel visino dolce si nasconde invece una delinquente senza scrupoli!"

    

 La risposta non avrebbe tardato ad arrivare, e me ne resi conto vedendo su quali strade Alessia mi stava guidando: ad ogni bivio si mostrava sempre un po' indecisa, e si capiva benissimo che in realtà non aveva alcuna idea di dove andare... Il suo scopo evidentemente era quello di raggiungere qualche luogo isolato in mezzo alla campagna; qui, sotto la minaccia della pistola, avrebbe potuto facilmente farmi scendere di macchina, rubarmela e dileguarsi indisturbata, lasciandomi solo e abbandonato in mezzo alle viti e agli olivi... Che brutta prospettiva!

 - Ma sei sicura di sapere dove dobbiamo andare? - domandai con finta innocenza. - Non vedo molte case qui intorno, e ormai è quasi buio. -

 - Sì, hai ragione, forse mi sono un po' confusa... È che non ricordo bene la strada. Aspetta, mi ero scritta qualche appunto, devo averlo messo qui nella borsa... -

 Io fermai la macchina, lei si girò e aprì la zip. Non mi voltai, ma già sapevo che avrebbe impugnato la pistola, e mentalmente mi preparai ad assistere alla scena che mi ero immaginato. Non poteva sapere che io avevo già previsto tutto, e dovevo sfruttare la cosa a mio vantaggio...

 - Bene, Marcello, sei stato molto gentile, ma ora siamo giunti alla fine della corsa! - disse, puntando l'arma verso di me. Il tono della sua voce si era fatto improvvisamente cattivo, ed era quasi incredibile vedere come da una persona apparentemente così dolce e carina potessero nascere gesti così crudeli.

 - E quella cos'è? Ma, Alessia, io... io non capisco! - balbettai, fingendomi stupito e impaurito. Beh, impaurito comunque lo ero per davvero... anche se sapevo di aver tolto tutti i proiettili dalla pistola, vi posso assicurare che quella sensazione non era affatto piacevole!

 - C'è poco da capire! - ribatté lei con arroganza.- Te l'avevo detto che era meglio per te lasciarmi scendere prima di Siena, ma tu mi hai voluto accompagnare a tutti i costi... -

 - Ma io ho solo voluto essere gentile... che ti ho fatto di male? -

 - Niente, anzi... Però ora la tua macchina mi fa comodo per fuggire, e quindi ho deciso di prendertela! Ora metti le mani in alto e scendi molto lentamente. -

 Feci come mi aveva detto, e anche lei scese di macchina, sempre puntandomi la pistola addosso. - Comunque hai ragione, sei stato gentile, e quindi è giusto che ti dia qualche spiegazione. - disse. - Vedi, in realtà finora ti ho mentito: ero sì al mare, ma il mio lavoro è quello di rapinare banche! Non è male, sai? Soprattutto di questa stagione: c'è poca sorveglianza e i colpi riescono facilmente! L'unico problema è che bisogna essere sempre di corsa per far perdere le proprie tracce... è un po' seccante, ma in fondo ogni lavoro ha i suoi difetti. -

 Mentre parlava io continuavo a guardarla in tutto il suo splendore... Anche nella veste di cattiva non perdeva un pizzico della sua bellezza, anzi, per certi versi sembrava ancora più affascinante: ormai aveva completamente perduto la sua innocenza, e, se prima ero trattenuto dalla sua dolcezza e simpatia, ora davanti a me vedevo solo un persona cinica e malvagia... Avrebbe meritato una punizione adeguata, e se ne avessi avuto la possibilità, non avrei esitato un attimo ad infliggergliela! Mi stavo già eccitando all'idea... Ora però dovevo fare in modo di capovolgere la situazione a mio favore. Alessia non sapeva che la pistola era scarica, e questo era il mio punto di forza.

 - E io che pensavo di aver conosciuto una ragazza per bene, allegra e simpatica... Lo sai che cominciavi a piacermi? Non avrai mica il coraggio di rubarmi la macchina e di lasciarmi qui tutto solo? -

 - Anche tu sei molto simpatico, Marcello, ma, vedi, sei troppo buono per una cattiva come me... - rispose, tirando fuori alcune corde dal borsone. - Ora fai il bravo e vai a quell'olivo là. E niente scherzi, ricordati che sono armata! -

 - Avresti veramente il coraggio di spararmi? Io non ci credo... - dissi, quasi in tono di sfida.

 - Ti consiglio di non mettermi alla prova, potrebbe essere pericoloso... Comunque non ti preoccupare, domani qualche contadino ti troverà e verrà a liberarti. Non sarà male passare una notte sotto le stelle, vedrai... -

 - Te ne pentirai di tutto questo, te l'assicuro... -

 - Certo, come no? - replicò ironicamente. - Ora muoviti, però, prima che mi arrabbi! -

 Mi avviai verso l'albero dove Alessia voleva legarmi, sempre con le mani in alto, sotto la minaccia della pistola. Camminai molto lentamente, in modo che lei potesse avvicinarsi un po' a me. Stavo aspettando il momento giusto per agire... ancora qualche passo... ancora uno... Ecco, ha abbassato lo sguardo per un attimo, è il momento giusto! D'improvviso mi girai e scattai verso di lei; Alessia restò spaventata per un brevissimo istante, lasciando cadere le corde, ma poi sollevò rapidamente la pistola all'altezza della mia testa e premette il grilletto... Clic!

 Passarono solo poche frazioni di secondo, ma a me sembrarono non finire mai... Sentii gelarmi il sangue nelle vene: se non avessi tolto i proiettili a sua insaputa, non avrebbe esitato un attimo ad ammazzarmi! Ormai mi trovavo davanti non più ad una dolce e graziosa ragazza, ma ad un crudele delinquente senza pietà...

 Alessia restò attonita: non capiva come mai la pistola non avesse sparato. Approfittai di quei pochi istanti di distrazione per balzarle addosso, afferrandole le braccia; l'arma le cadde per terra, lei cominciò a dimenarsi, ma la mia presa era troppo forte. Riuscii a farla cadere, stendendola pancia a terra, e la immobilizzai sedendomi a cavalcioni sulla sua schiena... Era molto più forte di quanto pensavo, ma il mio peso era troppo anche per lei.

 - Maledetta bastarda! Così mi avresti ucciso davvero, eh? -

 - Brutto figlio di puttana! Ti avevo avvertito di non mettermi alla prova... Hai avuto fortuna che la pistola ha fatto cilecca! Non capisco perché... -

 - Forse perché mancavano questi... - le risposi, tirando fuori i proiettili dalla tasca e lasciandoli cadere sull'erba.

 - Allora... sapevi già tutto! Ma come hai fatto? -

 - Eh, eh! Credevi che fossi solo un ingenuo bamboccio da usare e sfruttare a tuo piacimento, vero? E invece... D'altronde ti avevo avvertito anch'io che te ne saresti pentita, ma tu non mi hai voluto credere. -

 Alessia continuava ad agitarsi, ma per quanto si sforzasse, non riusciva assolutamente a liberarsi. - E ora che vorresti fare, bastardo! - mi chiese con tono affannoso.

 - Adesso vediamo... tanto il coltello dalla parte del manico ora ce l'ho io! Tanto per cominciare, dovrei riservarti lo stesso trattamento che tu avevi pensato per me... - Allungai il braccio e raccolsi le corde; all'inizio non fu facile bloccarle le braccia, perché possedeva ancora un'energia incredibile, ma alla fine cedette e così riuscii a legarle i polsi dietro la schiena. Feci diversi nodi per assicurarmi che non si liberasse.

 Finalmente potei alzarmi un attimo... quella posizione cominciava a diventare scomoda. Alessia ne approfittò cercando di rotolarsi sull'erba e di rialzarsi, ma io fui più rapido e la bloccai di nuovo a terra, rivolgendomi stavolta verso le gambe.

 - Buona, buona... dove credi di andare? Non ho ancora finito! -

 Le afferrai le caviglie e cominciai a legargliele strettamente. Che caviglie fini, e che bei piedini di fata! Finora non li avevo ancora potuti notare per bene; fra l'altro portava da un paio di deliziosi sandalini aperti che le stavano benissimo. Incredibile: più la guardavo e più Alessia mi sembrava perfetta in tutti i particolari! Era sicuramente la ragazza più bella che avessi mai incontrato... e ora era in mano mia! La stavo legando, mentre lei si lamentava e cercava di divincolarsi per impedirmelo, ma ormai non c'era più niente da fare: fra un po' sarebbe stata completamente indifesa e allora...

 La mia eccitazione stava raggiungendo livelli quasi insopportabili. Cercai di calmarmi un attimo, ancora non avevo completato l'opera... Presi allora un'altra corda e gliela passai intorno al busto per bloccarle meglio le braccia; così facendo le passai involontariamente una mano sul seno... che bello! Non potei resistere alla tentazione e cominciai ad accarezzarlo e palparlo voluttuosamente, infilando la mano sotto il top e stringendole i capezzoli con le dita...

 Alessia mi lanciò uno sguardo carico d'odio. - Maledetto! Ora cominci a fare anche il porco! - urlò, cercando inutilmente di ribellarsi.

 - È da quando ti ho fatto salire in macchina che sognavo di farlo... sei veramente bella, Alessia, peccato che sia anche così cattiva, perché altrimenti avrei potuto pure innamorarmi di te! -

 - Ah sì!? E cosa pensi che me ne farei di uno stronzo come te? -

 - Tu non lo so... ma io farei l'amore con te tutti i giorni... e sarebbe bellissimo! -

 - Mi fai schifo! Sei solo un porco bastardo... -

 - Continua pure ad urlare e insultarmi se vuoi... tanto non ti servirà a nulla! - ribattei.

 Con l'ultima corda a disposizione le legai le gambe all'altezza delle ginocchia; ormai le era davvero impossibile divincolarsi. Le infilai una mano in mezzo alle cosce, e cominciai ad accarezzargliele... non aveva un filo di grasso!

 Sempre più eccitato, diressi la mia mano verso il mio obbiettivo, infilando due dita sotto gli shorts e incominciando a strusciarle sopra le mutandine bianche di pizzo. Lo sguardo di Alessia si fece inorridito, ma non riuscì a trattenere un gemito di piacere quando le mie dita andarono più in profondità... Con l'altra mano continuai ad accarezzarle i seni, mentre con la mia bocca cercavo la sua, ma visto che si rifiutava di aprirla, mi accontentai di leccarle le guance e il collo e poi giù, fino ai capezzoli. Inutile dire che stavo raggiungendo uno stato di pura estasi...

 Il fatto di sentirsi completamente in mano mia cominciò ad impaurirla, e quando ebbi finito e mi rialzai mi urlò contro, arrabbiatissima: - Brutto pezzo di merda, non provarci più... Pfui! - Cercò di sputarmi in faccia, ma da quella posizione non era facile colpirmi.

 - Vedo che bisogna insegnarti ancora un po' di buona educazione... - dissi. - Non so quanto ti convenga comportarti così, alla fine potrei anche infuriarmi, sai? -

 - Uh, sai che paura! Me la sto facendo addosso... - rispose in tono sprezzante.

 - Bene, ora vedremo... - E detto questo la sollevai da terra, caricandola sulle spalle e dirigendomi verso la macchina.

 Il cuore mi batteva a cento all'ora... quella che provavo era una sensazione stranissima: in quel momento mi sembrava quasi di "possedere" Alessia, come se fosse una cosa mia, un mio giocattolo, un bambola con la quale avrei potuto giocare e divertirmi a mio piacimento... L'avevo tutta legata, era mia prigioniera, e ora non poteva più scappare!

 Arrivato alla macchina posai Alessia gentilmente sul sedile e presi il suo borsone. Aprendolo tirai fuori un po' di banconote e qualche vestito. - Ma guarda quanti bei soldini... - dissi.

 - Non ti provare a toccarli, sono miei, li ho rubati io! - protestò.

 - ...e che belle mutandine! Vediamo se riescono a farti stare un po' zitta... - e dopo averle appallate gliele infilai in bocca.

 Alessia provò a ribellarsi, ma fu inutile e dovette arrendersi: - No, fermmhhh... mmghff... mmfff... -

 Stava tentando di sputarle, ma prima che ci riuscisse le misi una mano sulla bocca e, cercando nel borsone, trovai una bandana che le misi in mezzo alle labbra, legandogliela dietro la nuca. Presi anche un telo di stoffa, da cui strappai una striscia lunga e spessa che le passai attorno alla bocca e alle guance per finire di imbavagliarla. L'eccitazione che provai nel farlo era indescrivibile.

 Ormai era completamente sistemata: continuava a dimenarsi e a lamentarsi con tutte le forze che le erano rimaste, cercando inutilmente di liberarsi. - Mmmhhh, ghfff... mmmghhffff! - Quei mugolii erano musica per le mie orecchie, e sarei restato per ore ad ammirare il capolavoro che avevo realizzato.

 - Beh, - dissi, - ora comunque è inutile restare qui, cerchiamo un posto più adatto. Prima però è meglio che ti nasconda, non vorrei che qualcuno ti vedesse in questo stato: sarebbe veramente imbarazzante! -

 La ripresi sulle spalle ed aprii il portellone del bagagliaio. Alessia tentò di protestare, ma questo non fece altro che aumentare il mio stato di eccitazione; la afferrai per le gambe e per il busto, la posai dolcemente nel bagagliaio della macchina, la coprii con un telo e poi chiusi. Raccolsi infine il borsone, la pistola ed i proiettili, poi salii in macchina e ripartii.

    

 Continuai a percorrere la stradina di campagna che avevamo imboccato; ormai il sole stava tramontando, ma riuscii ad individuare in lontananza un vecchio casolare in stato di semi-abbandono. "Benissimo," pensai, "è proprio quello che cercavo!"

 Arrivato davanti al casolare parcheggiai la macchina e mi assicurai che fosse davvero disabitato. Tutto intorno non si vedeva nessun segno di presenza umana. Presi una torcia elettrica che tenevo in auto e mi avvicinai al portone. Sembrava chiuso da anni, ma fu sufficiente un calcione ben assestato per farlo aprire. Mi trovai così in una grande stanza buia e polverosa, e aprii le finestre per far entrare l'ultima luce del giorno. La stanza era vuota, ma individuai in un angolo la rampa di scale che portava al piano superiore. Salii e mi trovai in un corridoio sul quale si affacciavano diverse stanze. In una di queste si trovava ancora un letto matrimoniale con un vecchio materasso polveroso. Perfetto, proprio quello che mi serviva!

 Tornai alla macchina ed aprii il bagagliaio. Quando Alessia mi vide ricominciò ad agitarsi e a mugolare. Legata e imbavagliata era ancora più bella...

 - Sta' buona, che ora andiamo a divertirci! - le dissi, mentre controllavo che i nodi delle corde fossero sempre ben stretti. Poi la presi in braccio e me la caricai sulle spalle, portando anche il telo e la torcia elettrica. Mentre salivo le scale cominciai con la mano ad accarezzarle i glutei, restati in parte scoperti dagli shorts a causa di tutto il suo dimenarsi.

 - Che bel culetto sodo! - le dissi, baciandole la natica più vicina alla mia bocca. Un suo mugolio più deciso del solito mi fece capire che non doveva aver gradito molto il mio apprezzamento, ma la cosa non fece altro che eccitarmi ancora di più!

 Giunti nella stanza col letto, presi il telo, che era sufficientemente grande per coprire tutto il materasso, e ce lo distesi sopra, e ci feci sdraiare Alessia, con delicatezza. Accesi poi il neon della torcia elettrica, che era piuttosto potente, e la stanza si illuminò in modo più che soddisfacente.

 Tutto era pronto, ora non mi restava altro che divertirmi e soddisfare le mie voglie... la mia "bambola" era lì davanti, tutta per me, e nessuno mi avrebbe potuto disturbare...

    

 Quello che avvenne in seguito durante quella notte fa parte della mia sfera privata, e non è mia intenzione raccontarlo. Cosa è successo di preciso lo sappiamo solo io e, naturalmente, Alessia. Comunque sono sicuro che con un po' di fantasia sarete in grado di capirlo anche voi... Lascio dunque spazio alla vostra immaginazione.

 Per concludere posso solo aggiungere che la mattina seguente, prima dell'alba, me ne andai, lasciando Alessia da sola nella stanza di quel vecchio casolare. Dormiva ancora. Poverina, la giornata precedente doveva essere stata faticosa e stressante per lei... Prima di partire le riportai il borsone con i soldi e i vestiti, che lasciai alla base del letto. Non so se si accorse della mia partenza, mi ricordo solo che, dopo averle dato il bacio dell'addio, prima di chiudere la porta mi sembrò di sentire un ultimo eccitante mugolio... ma forse era solo la mia fantasia che continuava a lavorare troppo.

    

 Dalla cronaca locale venni poi a sapere che quello stesso giorno, a metà mattinata, i carabinieri, allertati da una telefonata anonima, avevano ritrovato in un vecchio casolare abbandonato nella campagna senese la ragazza che il giorno prima aveva rapinato una banca in provincia di Lucca. Le prove a suo carico erano schiaccianti: insieme a lei furono ritrovati infatti sia il corpo del reato (circa centomila euro accuratamente nascosti in un borsone) e l'arma del delitto, una pistola semi-automatica. Anche il cassiere della banca rapinata, interpellato dalla magistratura, non ebbe difficoltà a riconoscere l'autrice della rapina, nonostante il volto coperto.

 Il particolare curioso della vicenda fu, come riportato dalla cronaca, che la ragazza era stata ritrovata mentre si lamentava affannosamente, distesa su un letto, completamente legata e imbavagliata. La popolazione locale si divertì per molto tempo a raccontare l'accaduto, e per qualche mese, la sera nei circoli locali non si parlava d'altro, farcendo la storia di tutti quei particolari piccanti, spesso inventati, che costituiscono il sale delle novelle di campagna. I più audaci e smaliziati si divertivano a raccontare di aver sentito di un contadino del luogo che, rientrando la sera dopo un giorno di duro lavoro, aveva sorpreso la delinquente e l'aveva legata sul letto per soddisfare i propri desideri sessuali... Fantasie, solo fantasie...

 Ma come si sa, il tempo passa e porta tutto via con sé, e anche questa storia, dopo un po', finì nel dimenticatoio.

    

FINE

Commenti

  1. coppola76: molto bella Miles, tutti i particolari ben descritti e la sorpresa della ladra è stata grandiosa! Anche se x essere favolosa ai miei occhi :) avrebbe dovuto essere il contrario, una donna che da un passaggio a un uomo che poi si scopre essere un ladro.. :) Anche se in verità il finale che lascia immaginare non mi piace molto, anche se è molto realistico!
    Ciao e buona giornata! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è una storia un po' più realistica delle altre, più avventurosa. A me è piaciuta per questo. Ho visto che l'autore è attivo su Deviantart ancora oggi. Spero si faccia vedere da queste parti. A presto.

      Elimina
    2. coppola76: se ha lo stesso nome prova a mandargli una nota. Forse riprenderà a scrivere e gli farà di certo piacere risentirti! Buonanotte!

      Elimina
    3. Eccola :-)
      https://adams1973.deviantart.com/art/Autostoppista-120648505

      Elimina

Posta un commento